Sulle orme dell’orso

_tt_54461

Fine marzo, nella foresta nevica ancora, tutto e bianco, un silenzio quasi irreale mi avvolge, mi trovo nella foresta con la speranza di incontrare e fotografare il plantigrado appena risvegliato dal suo breve letargo.

Qualche maschio sta girando, le sue impronte sono ben visibili, sicuramente avrà un età tra i 4-5 anni, 120 kg circa, mentre le femmine e i cuccioli sono ancora dentro la tana aspettando che la temperatura salga un pochino e che la neve sparisca.

In un altana immersa all’interno della foresta lontano da qualsiasi forma di disturbo, lo aspetto anche se lo so che non è cosa facile, su 10 appostamenti 2 riescono, consapevole della difficolta  di riuscirlo a vedere aspetto con grande tranquillita , gustandomi la magia , quella magia che avvolge la foresta , il silenzio totale, cosa che ormai non siamo più abbituati ad ascoltare nella nostra quotidianetà.

Passano le ore, a momenti mi sembra di sentire qualche rumore , ma è solo l’impressione e la voglia di vederlo apparire come un fantasma, l’unico rumore che si sente è il battito del mio cuore, che accellera e rallenta, a seconda delle emozioni che sto provando, la luce svanisce , ormai per la fotografia non c’è piu nulla da fare, ripongo la mia attrezzatura nello zaino, accendo la mia pila frontale è mi avvio sul sentiero per raggiungere la macchina che stava almeno ad 1 km da dove mi trovavo, ero un pò triste per non averlo visto ma nello stesso tempo felice di aver ascoltato il silenzio della natura.

_tt_54571

_tt_54691

1 Comment

  1. Bhe facevi tu l’orso sull’albero eh eh! Grande Lucio, bellissime foto, come sempre e sempre meglio. 😉

Leave a Reply to lucapilolli